Attenzione!Il tuo browser non rispetta gli standard richiesti da Nuova Umanità.

È neccessario aggiornare il browser.

username password
Includi anche i risultati di NU news online
201

Santa Eufrosina di Suzdal' (XII-XIII sec.).

di Maria Chiara Ferro
Una mistica nella Russia antica?

Di fronte alla strumentalizzazione dilagante della figura femminile nella società moderna, in campo scientifico si registra un crescente interesse per il contributo delle donne al progresso delle nazioni, allo scopo di ricomporre le fila di un retaggio culturale unitario tra mondo latino, bizantino e slavo che fonda l’Europa moderna. Significativo, in tale contesto, risulta l’approfondimento della presenza di sante mistiche nel periodo medievale. L’Autrice si occupa dell’area slavo-orientale e russa, in particolare di Santa Eufrosina, principessa di Suzdal’, vissuta tra il XII e il XIII secolo. Entrata in giovane età in monastero, conobbe e visse in prima persona le difficoltà sociali della propria città, assediata dai conquistatori tatari. La fama della sua vita ascetica la rese punto di riferimento per la gente comune, mezzo di salvezza del proprio monastero, sostegno del padre angariato e poi ucciso dall’Orda d’Oro, sollievo del proprio popolo. Un protagonismo, il suo, costruito nel silenzio, ma che la gente ha consegnato alle pagine della storia.