Attenzione!Il tuo browser non rispetta gli standard richiesti da Nuova Umanità.

È neccessario aggiornare il browser.

username password
Includi anche i risultati di NU news online
204

Buon governo societario: un approccio al Libro Verde dell'UE del 2011 dal punto di vista della giustizia relazionale

di Rocío Caro Gándara

La Commissione europea ha recentemente affermato che, soprattutto nell’attuale crisi economica internazionale,è di primaria importanza che le imprese europee dimostrino la massima responsabilità non solo nei confronti dei propri dipendenti azionisti,
ma anche verso la società nel suo complesso. Il governo societario può essere considerato come un insieme di relazioni tra i dirigenti di una società, gli amministratori, gli azionisti e le altre parti interessate. Tutti devono giocare un ruolo importante nel costruire una dinamica dell’impresa responsabile. In questo senso il principio “rispetta [le regole] o spiega” gioca un ruolo cruciale. Dall’approccio della giustizia relazionale si può capire che questo principio non ha il suo riferimento nella norma, come è nell’alternativa classica “rispetta o fallisci”; ha invece un forte legame con il campo della socialità, perché il suo riferimento è propriamente la relazione, gli altri, nei confronti dei quali gli attori devono rispettare [i patti], o spiegare. La giustizia relazionale dimostra che un buon governo societario consiste in un forte e libero senso di responsabilità, legato alla sfera della socialità.