Attenzione!Il tuo browser non rispetta gli standard richiesti da Nuova Umanità.

È neccessario aggiornare il browser.

username password

2013: le elezioni in Italia

29 Aprile 2013 - foto -

Il commento del prof. Baggio al discorso in Parlamento del presidente Napolitano

di Fabio Colagrande - Radio Vaticana

In Italia, dopo le consultazioni di ieri per la formazione del nuovo governo, il Paese attende ora una svolta politica dopo il...


11 Aprile 2013

Italia, politica. Baggio: scelta comune del capo dello Stato sarebbe segnale forte in Europa

di Luca Collodi - Radio Vaticana

In attesa dell’elezione del nuovo presidente della Repubblica, in Italia la politica sembra in stallo mentre si aggrava la...


27 Marzo 2013

Ancora sui principi non negoziabili: perché devono stare insieme

di Antonio Maria Baggio

I principi “non negoziabili” sono l’oggetto dell’Editoriale della rivista «Nuova Umanità&ra...


08 Marzo 2013

Chi ruba nei supermercati…

di Luisa Balduzzi

In questi giorni mi torna in mente la canzone di Francesco De Gregori: Chi ruba nei supermercati. È del 1992, sembra scri...


27 Febbraio 2013 - foto -

Quali scenari possibili dopo le elezioni?

di Nuova Umanità

Riportiamo l'intervista di Radio Vaticana ad Antonio Maria Baggio


12 Febbraio 2013 - foto -

I "principi non negoziabili": verità  e strumentalizzazioni

di Antonio Maria Baggio

Il tema dei “principi non negoziabili” accompagna da vari anni le riflessioni di Benedetto XVI in merito all’...


28 Gennaio 2013

Siamo sicuri di meritarci l’Italia?

di Luisa Balduzzi

Lettere dal fronte quotidiano/2


23 Gennaio 2013

Uno sguardo sulla crisi politco-economica: rivedere gli obiettivi del sistema

di Moreno Orazi

Queste note condensano alcune riflessioni che mi ha suscitato la lettura dell’articolo di Antonio Maria Baggio[1], che con...


17 Gennaio 2013

Cattolici candidati a titolo personale

di Nuova Umanità

Intervista di Radio Vaticana ad Antonio Maria Baggio


09 Gennaio 2013

Le due Italie. Mappa per un percorso verso le elezioni politiche

di Antonio Maria Baggio

La formazione del Governo italiano presieduto da Mario Monti è avvenuta con modalità eccezionali in una grave...


31 Dicembre 2012 - foto -

Come ago in un pagliaio: alla ricerca del discorso democratico

di Marco Luppi

Il Paese vive oggi una crisi di valori e di rappresentanza.   Da una parte abbiamo sotto gli occhi gli scandali che stann...


28 Dicembre 2012 - foto -

Oltre i partiti personali: la riscoperta della politica

di Silvio Minnetti

Sulla scia delle riflessioni introdotte da Antonio Maria Baggio e riprese da Marco Martino e Paolo Giusta, sottolineo l’...


24 Dicembre 2012 - foto -

Noi Italiani, come gli Hobbit nella Terra di Mezzo

di Antonio Maria Baggio

Minority Report / 2


19 Dicembre 2012 - foto -

Perché bisogna pagare i debiti

di Paolo Giusta

Nella confusione che precede la campagna elettorale d’inverno aperta dalle dimissioni di Mario Monti, è possibile i...


13 Dicembre 2012 - foto -

Il ritorno di Berlusconi non è un progetto politico

di Marco Martino

L'incipit della riflessione che segue nasce dalla lettura dell'articolo "Berlusconi e Maritain" che inaugura la sezion...


29 Novembre 2012 - foto -

Berlusconi e Maritain

di Antonio Maria Baggio

Minority Report / 1


25 Ottobre 2012 - foto -

Le due Italie.

di Antonio Maria Baggio

Mappa per un percorso verso le elezioni politiche


17 Gennaio 2013
NU news 204

Cattolici candidati a titolo personale

di Nuova Umanità
Intervista di Radio Vaticana ad Antonio Maria Baggio

ELEZIONI: RADIO VATICANA, CATTOLICI CANDIDATI A TITOLO PERSONALE

(AGI) – Città del Vaticano, 17 gennaio 2013.

 

«Bisogna evitare in tutti i modi di dare l’impressione che una persona che opera in un movimento, in una realtà ecclesiale, se la porti dietro entrando in politica».

Lo afferma ai microfoni della Radio Vaticana il politologo cattolico Antonio Maria Baggio, docente di Filosofia politica all’Università Sophia di Loppiano, fondata dal Movimento dei Focolari.

«C’è stata in queste settimane la formazione delle liste e molti sono stati contattati dai partiti, perché volevano a tutti i costi che dentro la loro lista ci fosse, ad esempio, il rappresentante del Movimento dei Focolari o dell’Azione Cattolica o degli Scout», sottolinea il politologo osservando che «questo è un modo perverso di ragionare, perché nessuno dei cattolici può entrare in politica pensando di rappresentare una realtà ecclesiale».

«Non è così – assicura Baggio alla Radio Vaticana – perché non è la Chiesa che entra in politica, sono le persone che riportano quello che loro hanno e sono. Quindi, bisogna guardarsi bene dall’entrare in politica, dando questa falsa impressione, che ci sia una “ecclesialità” che entra in politica. Non è così. Si entri pure in politica, allora, però avendo cura di non farsi strumentalizzare».

«Noi continuiamo sempre a ripetere, perché è vero storicamente, che dalla Chiesa – scandisce il politologo dell’emittente della Santa Sede – viene un nutrimento per la società sia come idee, che come testimonianze e come persone preparate. Quindi, il passaggio da un impegno sociale, dove le persone maturano, ad un impegno politico nelle istituzioni, è naturale. Bisogna naturalmente presidiare ambedue gli spazi.

Questi passaggi dal sociale al politico, che sono logici e naturali, e sono la salute stessa della dimensione politica, delle istituzioni, quindi vanno fatti, vanno fatti bene però. Anzitutto, vanno fatti in piena autonomia e come scelta personale di colui che li fa».

«L’idea di base – spiega l’esperto consultato dalla Radio Vaticana – è che il cristiano porta in politica la sua capacità di amare. Tutto ciò che egli fa, quindi, deve essere amore, come viene chiamato da molti “amore sociale”». E, conclude il professor Baggio, «Benedetto XVI ha sottolineato tante volte questa scelta importante che il cristianesimo ha fatto nella storia» tutelando la libertà del cristiano, «che porta in politica la sua capacità di amare, che si costruisce anche nella famiglia, nella Chiesa, e la porta in società», con «un linguaggio che non è più un linguaggio ecclesiale o un linguaggio confessionale, ma è il linguaggio della ragione universale».

 

 

 

ELEZIONI: RADIO VATICANA, NON STRUMENTALIZZARE CATTOLICI IN LISTE BAGGIO (FOCOLARI), NESSUNO È RAPPRESENTANTE DI MOVIMENTI CHIESA

(ANSA) – CITTA' DEL VATICANO, 17 gennaio 2013

 

I cattolici «entrino pure in politica», ma «avendo cura di non farsi strumentalizzare'», perché '«nessuno può pensare di rappresentare una realtà ecclesiale». Lo afferma, parlando alla Radio Vaticana, il politologo Antonio Maria Baggio, docente all'Università Sophia di Loppiano, fondata dal Movimento dei Focolari.

«Bisogna evitare in tutti i modi – spiega Baggio – di dare l’impressione che una persona che opera in un movimento, in una realtà ecclesiale, se la porti dietro entrando in politica».

«C'è stata in queste settimane – osserva – la formazione delle liste e molti sono stati contattati dai partiti, perché volevano a tutti i costi che dentro la loro lista ci fosse, che so, il rappresentante del Movimento dei Focolari o dell'Azione Cattolica o degli Scout ecc. Questo è un modo perverso di ragionare, perché nessuno dei cattolici può entrare in politica pensando di rappresentare una realtà ecclesiale».

«Non è quello il ruolo, infatti: non è la Chiesa che entra in politica, sono le persone che riportano quello che loro hanno e sono», aggiunge il docente. «Quindi, bisogna guardarsi bene

dall’entrare in politica, dando questa falsa impressione, che ci sia una “ecclesialità” che entra in politica. Non è così. Si entri pure in politica, allora, però – attenzione – avendo cura di non farsi strumentalizzare», conclude Baggio. (ANSA).

 

 

Ascolta l'intervista :

http://it.radiovaticana.va/news/2013/01/17/ggio:_cattolici_dei_movimenti_ecclesiali_in_politica_senza_strumentali/it1-656382

  • Numero rivista: NU news 204
  • Materia: Politica